Come si pulisce il filtro della piscina

Filtro a sabbia per piscina

 

Premetto che tutte queste manovre si devono fare tassativamente con pompa spenta, detto questo possiamo cominciare il nostro tutorial sulla pulizia del filtro a sabbia della nostra piscina.

Prima di tutto dobbiamo fare attenzione alla valvola selettrice a sei vie del filtro a sabbia. Questa è installata lateralmente, come potete osservare dalla foto sopra, e assume 6 posizioni. Ogni posizione ha una funzione. La posizione 1 riguarda la filtrazione, la 2 di lavaggio o backwash, la 3 di risciacquo, la 4 di scarico, la 5 di ricircolo e la 6 di chiusura.

valvola selettrice con filtro a sabbia

Per fare il lavaggio del filtro a sabbia bisogna porre la valvola selettrice in posizione di lavaggio e ricordarsi di aprire la valvola a sfera posizionata nel tubo di scarico (fogna), vedi immagine qui sotto.

valvola a sfera posizionata nel tubo di scarico

A questo punto si accende la pompa. L’acqua entra nel filtro, dal basso verso l’alto, iniziando a smuovere tutta la sporcizia che, in questo modo, viene incanalata nel tubo di scarico. Quindi, l’acqua va salendo e va scaricando.

Il lavaggio può durare pure qualche minuto, a seconda delle dimensioni del filtro e dello sporco. Appena si finisce di pulire e l’acqua è effettivamente limpida bisogna effettuare un risciacquo.

Bisogna, quindi, spegnere nuovamente la pompa. Girare la manopola della valvola selettrice in posizione risciacquo (3). Se è rimasto un po’ di sporco superficiale, nonostante il lavaggio, è possibile eliminarlo dallo scarico.

Se questa operazione non viene ripetuta ogni 7 o 10 giorni tutto ciò che si accumula nel filtro ne peggiora il funzionamento in quanto la pressione dell’acqua aumenta e la capacità di filtraggio diminuisce.

acqua verde intorbidita

Se la nostra piscina ha l’acqua intorbidita, proprio perché non abbiamo effettuato le operazioni di pulizia del filtro, è necessario usare il flocculante.

Quest’ultimo rende l’acqua più cristallina in quanto riesce ad agglomerare le particelle di sporco che successivamente si depositano nel fondo della piscina (flocculazione).

Il fondo poi verrà pulito tramite la procedura di aspirazione effettuata con una scopa aspiratrice e successivamente si procederà con un lavaggio del filtro (come precedentemente descritto: lavaggio e poi risciacquo).

Abbiamo quindi stabilito cosa succede se non si pulisce il filtro della piscina: l’acqua si intorbidisce.

Ma cosa dobbiamo fare per mantenere l’acqua cristallina?

Per avere un’acqua abbastanza cristallina e trasparente bisogna tenere sotto controllo il PH (valore ottimale tra 7,2 e 7,4) e poi il cloro (valore ottimale del cloro tra 1 e 1,5 ppm).

Per il controllo di questi due valori ci sono dei kit con pillole o con gocce che assolvono a questo compito. Si prende un campione di acqua in un contenitore, si aggiungono 4 gocce di prodotto o una pillola e se ne osserva il cambiamento. In base alla colorazione dell’acqua ci si regola.

Ad esempio se il PH è superiore a 7,6 bisogna abbassarlo intervenendo con il ph minus (per diminuirlo). Se invece è inferiore a 7,2 lo si aumenta con il ph plus.

Per quanto riguarda la clorazione aggiungere del dicloro isocianurato al 56% in forma granulare o in alternativa si possono utilizzare delle pastiglie di tricoloro al 90%.

Esempio di piscina ben tenuta con acqua limpida e trasparente.

Add your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.